Home Arte Catanzaro, si è concluso il 2016 all’insegna dell’arte e della cultura
Catanzaro, si è concluso il 2016 all’insegna dell’arte e della cultura

Catanzaro, si è concluso il 2016 all’insegna dell’arte e della cultura

0
0

Catanzaro ha salutato il 2016 con un gran finale di arte e cultura, quell’arte e quella cultura che, durante tutto l’anno, hanno profumato le mattine, scaldato i pomeriggi e illuminato la notte di tutta la città, dallo “Scolacium” fino ai quartieri più a nord.

Volano di questo gran finale è stata la manifestazione “A farla amare comincia tu”, voluta dall’Amministrazione Comunale e magistralmente diretta dal cantautore catanzarese Antonio Pascuzzo che, in soli 10 giorni avuti a disposizione, ha messo su un cartellone di oltre 10 eventi dall’alto profilo qualitativo, riuscendo a creare un clima di festa che ha contagiato tutti i vicoli e le vie del centro storico. Grande successo hanno riscosso i concerti di Simone Cristicchi, accompagnato dal Coro dei Minatori di Santa Fiora, all’Auditorium Casalinuvo, di Carmen Consoli al teatro Politeama, di Micol Picchioni con la magia della sua arpa nella Basilica dell’Immacolata, di Pier Cortese con un doppio appuntamento al Nuovo Supercinema, il primo dedicato ai bambini ed il secondo agli adulti, di Awa Ly nell’Oratorio della Chiesa del Carmine e di Simona Sciacca e Alessandro Chimienti nella Biblioteca Comunale di villa Margherita.

A farla amare comincia tu non è stata, però, solo musica, ma anche eventi culturali come, ad esempio, la presentazione del libro di Simone Cristicchi, “Il secondo figlio di Dio”, nel vivacissimo Museo del Rock. Presentazione di libri che in questi ultimi giorni hanno visto protagonisti anche Gianni Amelio, ritornato dopo trenta anni nella sua città grazie all’invito del Circolo Placanica, che ha presentato il suo primo romanzo “Politeama”, il girifalcese Domenico Dara che, grazie all’associazione culturale Venti d’Autore ed alla libreria Ubik di Catanzaro Lido, ha presentato il suo nuovo romanzo “Appunti di meccanica celeste” avvalendosi della collaborazione di cantautori del calibro di Antonio Pascuzzo e  di Carmine Torchia, di Ettore Castagna che ha presentato il suo ultimo lavoro “Del sangue e del vino” nella libreria “Punto e a capo” ed infine, per citarne soltanto alcuni, la presentazione del grande successo letterario “Padrini e padroni” del procuratore Nicola Gratteri e del professore Antonio Nicaso nell’ambito della rassegna “Scolacium d’autore”.

E’ stato un anno importante anche per le compagnie teatrali locali ed il Teatro di Calabria “Aroldo Tieri” l’ha voluto chiudere in grande mettendo in scena un emozionante “Edipo re” ed organizzando al “Marca” una serie di incontri dedicati al Teatro, all’Arte ed alla Letteratura tenuti dal professore Luigi La Rosa.

Pregevoli le mostre in esposizione presso i musei cittadini, il Marca ospita la mostra personale dell’artista Francesco Antonio Caporale “Di solo pane”, 30 opere attraverso le quali l’artista racconta l’importanza del pane nella storia dell’uomo. L’edificio ex-Stac, antica stazione della tramvia da decenni in stato di abbandono, proprio in questi giorni ristrutturata e restituita alla città sotto forma di nuovo contenitore culturale, ospita la XIII Mostra Europea del Presepe con pregiate opere di maestri nazionali ed internazionali. Da non perdere assolutamente l’esposizione “Le macchine di Leonardo da Vinci. Intuizioni di un genio” presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro, il visitatore, ammirando 20 modelli tridimensionali, si sorprenderà nello scoprire quanto alcune delle sue intuizioni siano ancora oggi alla base del funzionamento delle macchine industriali moderne. Da segnalare, inoltre, la grande sala mostre in cui è stato trasformato in questi giorni il centro storico che ospita la mostra “Catanzaro in vetrina”, circa ottanta attività commerciali espongono nelle loro vetrine un centinaio di foto artistiche di monumenti, opere d’arte, palazzi, ma anche tramonti di questa città, i cui autori aderiscono all’Associazione Fotografica Cromatica, consentendo al visitatore di ammirare le bellezze di Catanzaro  con occhi nuovi, attraverso lo sguardo di chi riesce a guardare oltre quello che si vede,  godendosi una piacevole passeggiata e prestando, così, anche più attenzione alle vetrine ed ai prodotti esposti. Anche i ragazzi di Altrove, organizzatori del molto apprezzato festival di arte urbana, non hanno voluto far mancare il loro contributo organizzando nell’Altrove Gallery l’importante mostra “Carlo Giallo su Sfondo di Tre Cani”, una rassegna che mette in parallelo l’arte moderna di Carlo Zinelli e l’arte contemporanea del collettivo Canemorto.

Una menzione la meritano i ragazzi del Teatro Incanto ed il suo presidente Francesco Passafaro che stanno cercando con tanti sacrifici di dare nuova vita al Teatro Comunale facendolo diventare un centro culturale polifunzionale che si candida a nuovo cuore pulsante della città. Le istituzioni in primis e tutti noi cittadini abbiamo il dovere di sostenere questa iniziativa.

Tutto questo e tante altre iniziative hanno animato gli ultimi giorni del 2016 ma tutto passa, si sa, e ad archiviarlo dando il benvenuto al 2017 ci ha pensato ancora “A farla amare comincia tu” con un concertone in piazza prefettura in cui si sono esibiti l’artista catanzarese Eman e gli Opa Cupa, realtà musicale salentina. La città  ha risposto alla grande invadendo le vie del centro per tutta la notte.

Chi sostiene che “Catanzaro è morta” è servito, la produzione artistica e culturale della città è vivace e di alto profilo, i cittadini rispondono agli eventi  numerosi ed entusiasti. Sta ora alle istituzioni non disperdere questo patrimonio.

Saverio Fontana

Saverio Fontana Saverio Fontana, nato a Catanzaro, diplomato in informatica presso l'Istituto Tecnico Industriale, collabora con la testata giornalistica on line lesuberante.it. Ama intervistare direttamente i protagonisti degli eventi e deve questo amore ad Oriana Fallaci di cui ha letto molte delle sue interviste dallo stile unico e inconfondibile.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *